Coach of the year 2017, Mike D’Antoni has a very strong bond with Italy.
“I became a man in Italy. That’s the land where I met my wife and where my son was born” he comments. “I spent the most beautiful 21 years of my life in Italy” he emphasizes. “I don’t know which % I am Italian and which % I am American” D’antoni adds. “If I can go back there to live, I will do it with pleasure”. 

Coach dell’anno 2017, Mike D’antoni conserva un legame fortissimo con l’Italia: la terra dove ha incontrato sua moglie, dove e’ nato suo figlio e dove e’ “diventato adulto”.
“Ho passato i 21 anni migliori della mia vita in Italia”. “Sono molto orgoglioso di essere italiano e devo tanto all’Italia”.
Milano e Treviso sono due città che gli sono rimaste nel cuore.
“Sono italiano, più o meno. Sono cresciuto li’, sono maturato li’, non so in che percentuale sono americano e in che % sono italiano.
“Sicuramente se ho la possibilità di tornare in Italia, lo faccio volentieri”.

Advertisements