Per CORRIERE DELLA SERA E VIAGGIOSPORT
Subito dopo una movimentata trade deadline (chiusura del mercato), il nuovo acquisto dei Toronto Raptors (secondi nella Eastern Conference dietro ai Milwaukee Bucks) Marc Gasol inizia ad ambientarsi con il nuovo team.
Ecco cos’ha imparato sui suoi nuovi compagni nella sua prima partita con la squadra canadese: “Sono dei combattenti, lottano per il possesso palla, comunicano bene tra loro. Li sto studiando, sto imparando gli schemi difensivi, c’è tanto da apprendere. Sono con loro solo da 24 ore, ma è una bella emozione” commenta il 34enne spagnolo.

-In un tweet rivolto ai fan dei Memphis Grizzlies hai scritto che non sei triste perché è finita ma sei contento perché hai giocato per loro. Ora con che spirito affronti questa nuova sfida con una squadra in ottima posizione?
“Dare tutto! Dare il 100%! C’è solo un obiettivo: giocare per vincere il campionato. Darò tutto me stesso. È l’unica cosa che conta per me” risponde Marc, fratello dell’altro cestista e All Star Pau Gasol.

Ascoltate i commenti di Kawhi Leonard, Kyle Lowry e Danny Green sul nuovo campione acquisito dalla squadra e su quando sia difficile perdere dei compagni di squadra dopo aver costruito chimica, amicizia, quasi una famiglia.

Kawhi Leonard
-Avete una nuova arma in squadra: Mark Gasol. Come l’hai visto stasera e come può aiutarvi a raggiungere il vostro obiettivo?
“In difesa, ma è anche bravo con i passaggi e come realizzatore. È un veterano, ci aiuterà molto”.
-Com’è stato sentire tanti tifosi dei Raptors qui al madison square garden?
-È stato bello, abbiamo sentito il tifo, ci ha dato energia e una marcia in più” risponde schivo l’ex giocatore degli Spurs.

Kyle Lowry
“Adoro il madison square Garden e avere dei tifosi qui è bellissimo.
-Quali sono le qualità di Marc gasol che ammiri e che vi renderanno più forti?
“Le capacità da playmaker, la stazza, l’ottima fase difensiva, le doti da realizzatore. Marc sa fare tutto” commenta Lowry, convocato 5 volte per l’ All Star NBA.

Danny Green
“È un giocatore incredibile, lo sanno tutti. In difesa, nei passaggi, in attacco. Farà molto per noi appena si abituerà alla squadra” dice Green.
-Fa parte del mestiere, ma come ci si sente quando si sviluppa la chimica, si diviene una famiglia e poi un compagno di squadra divenuto buon amico viene ceduto?
“È dura. È ovvio che faccia piacere che arrivino in squadra grandi giocatori, ma dispiace molto che altri ragazzi se ne vadano. Fa parte del gioco però, è inevitabile. Auguro buona fortuna ai nostri ex compagni che sono stati ceduti, avevamo sviluppato un buon legame in poco tempo. Penso che giocheremo di nuovo insieme, ma come avversari quest’anno e voglio il meglio per loro.