James Harden è sempre più leggenda: con 61 punti trascina gli Houston Rockets alla vittoria a New York e realizza il suo record personale, eguagliando l’impresa di Kobe Bryant con la migliore prestazione per punti segnati da un avversario dei Knicks al Madison Square Garden.
Cosa ci vuole per portare il peso di tutta la squadra sulle sue spalle, data l’assenza di Clint Capela e Chris Paul?
“Devo dare davvero tutto” commenta “Il Barba”, “volevo essere aggressivo come lo sono stato tutta la stagione”.
Su cosa deve lavorare la squadra in questo momento della stagione per migliorare la posizione in classifica?
“Dobbiamo recuperare dagli infortuni” dice Harden, che parla anche dello stile di Mike D’antoni come allenatore e di cosa gli ha insegnato. “Ci lascia davvero liberi, non urla tanto”, non pone limiti in campo, “è una delle cose che apprezzo di più” spiega Harden.